La salute degli spazi condivisi

Ingressi ridisegnati per essere zone funzionali dove spogliarci appena entrati in casa, luoghi ibridi per lavorare e vivere, nuova organizzazione degli accessori per rendere tutto ‘sano’ e facilmente sanificabile.
Le nostre case stanno cambiando: infatti, sono ancora oggi un po’ scuola, un po’ ufficio, un po’ rifugio. Rappresentano gli ambienti che hanno reagito prima al cambiamento in atto, trasformando le destinazioni d’uso degli spazi interni e riscoprendo gli spazi esterni come “oasi” e stanze a cielo aperto.

Gli spazi ibridi e condivisi propri dei cohousing hanno risposto bene a questa contingenza, ma ora bisogna pensare al futuro. Un futuro dove architettura e salute si intersecano per creare spazi adeguati.

I designer della casa puntano quindi su funzionalità e versatilità, utilizzando progettualità sostenibili e tecnologia per rendere gli ambienti ancora più sani. Ricambio e ricircolo d’aria naturale, spazi di soglia ripensati e più attenzione al rapporto interno ed esterno, ecco le prime risposte per gli spazi domestici del futuro. Si tratta di buone prassi della progettazione architettonica sostenibile, ovvero ben inserita nel contesto urbano o rurale che sia, in modo da creare benefici domestici e limitare l’impatto sull’ambiente.

 
Così come da decenni affermano i progetti di cohousing,  basati sulla comunità di abitanti, è importante che al centro del design ci siano le persone che vivono gli spazi e che usano gli oggetti: spazi multifunzionali e accessori sicuri dal punto di vista igienico, rappresentano le sfide del momento e le possibili soluzioni su cui riflettere.

La casa di domani non sarà forse più grande, ma avrà certamente più spazio. Spazio intimo e spazi condivisi ben integrati e salubri questo l’obiettivo dei nuovi cohousing di Homers.

Testimonianze dal mondo

How the COVID-19 Pandemic Will Change the Built Environment – THE ARCHITECTURAL DIGEST

Gli spazi domestici interpretati dagli illustratori

Quitting Quarantine Illustration by tubik.arts in Digital Illustrations

Consigli di lettura

No Comments

Post a Comment